IL COUNSELING A PRATICA PSICODINAMICA
METODO ISPA®

La capacità pensante. La utilizziamo? La scienza dice che il cervello si compone di due emisferi, preposti ciascuno a una sua specifica attività: il sinistro al pensiero razionale, legato alla realtà materiale, il destro al pensiero creativo, connesso con l’immaginazione, l’ispirazione e il pensiero analogico-intuitivo. Siamo estremamente abili nell’utilizzo del primo, molto meno del secondo, quello capace di creare la nostra realtà soggettiva, di in-forma-re la nostra vita. Il Counseling a Pratica Psicodinamica - Metodo ISPA® fornisce importanti strumenti a questo scopo.

Il Counseling a Pratica Psicodinamica - Metodo ISPA® si muove all’interno dell’esperienza del counseling  transpersonale ed è strumento autoevolutivo d’eccellenza poiché accompagna il counselor e il cliente in un percorso di crescita personale sostenuto e nutrito dall’utilizzo consapevole del potenziale immaginativo e creativo della mente. Un’opportunità e un’esperienza capace di declinare il sapere, il saper fare e il saper essere.

Obiettivi del Counseling a Pratica Psicodinamica - Metodo ISPA®:
- attenuare gli stati di stress
- gestire i momenti di crisi in termini di opportunità evolutiva;
- trasformare le proprie fragilità in punti di forza;
- avere una migliore percezione e valutazione della realtà
- riconoscere, accogliere e agire il proprio progetto di vita
- sviluppare la qualità delle relazioni interpersonali, con serenità e responsabilità;
- riconoscere e agire i propri talenti e abilità;
- sviluppare il pensiero positivo, la creatività, la concentrazione e la memoria;
- vivere consapevolmente un percorso di crescita personale.

Migliorare la consapevolezza e le capacità relazionali, di ascolto, di accoglienza e di comunicazione, offrendo le conoscenze dei contenuti teorico-tecnici, le metodologie e le competenze necessarie attraverso le quali instaurare una relazione d’aiuto e di sostegno. Acquisire un metodo e degli strumenti autoevolutivi in grado di “aiutare l’uomo ad aiutarsi”.

I DESTINATARI - psicologi, assistenti sociali, counselor, educatori, insegnanti, medici, personale paramedico, coordinatori di enti e servizi pubblici del privato sociale e del mondo dell’associazionismo, operatori che lavorano nell’area dei servizi alla persona.
 
LA PSICODINAMICA  METODO ISPA®
 
La Psicodinamica Metodo ISPA® è costituita da un insieme di tecniche fondate sullo sviluppo del pensiero creativo-immaginativo. L’utilizzo di questo potenziale mentale, attualmente focus della ricerca scientifica più avanzata, è connesso all’emisfero cerebrale destro preposto all’emissione di onde Alfa. La Psicodinamica - Metodo ISPA® si avvale di strumenti quali il rilassamento, la visualizzazione, la parola e il respiro.

Nel 1983 Dede Riva, sociologa, saggista e counselor, fonda a Milano l’ISPA Istituto Sperimentale di Psicodinamica Applicata®, di cui è Presidente.

Metodo Cornice, questa disciplina è personalizzabile con le esigenze individuali nei seguenti ambiti:

- Salute Fisica
: Attenuazione degli stati di stress, impiego ottimale del sonno e stimolazione delle risorse di autoguarigione dell’organismo.


- Equilibrio Psichico
: Maggiore fiducia in se stessi, migliore percezione della realtà, sviluppo della qualità delle relazioni interpersonali, gestione delle emozioni, eliminazione di abitudini limitanti (dipendenza da fumo, incapacità di seguire una dieta…)


- Studio e Lavoro
: Attenuazione dello stress e della sfiducia in se stessi, facilità di concentrazione e memorizzazione, potenziamento della capacità creativa.


- Processo Evolutivo
: Presa di coscienza delle proprie potenzialità autoevolutive e loro gestione secondo modalità e ritmi di crescita autodeterminati.



IL COUNSELING - ARTE MAIEUTICA

 
 Punto focale è l’individuo, non il problema. Lo scopo non è quello di risolvere un problema particolare, ma di aiutare l’individuo a crescere perché possa affrontare sia il problema attuale sia quelli successivi in maniera più integrataCarl Rogers

Nato negli anni '50 con Carl Rogers, il Counseling è un insieme di abilità, atteggiamenti e tecniche per "aiutare la persona ad aiutarsi". Partendo dal presupposto che una persona ha già in sé le risorse necessarie, si propone di creare le condizioni per farle emergere.

"Il rapporto di Counseling, " scrive Rogers, "è una situazione in cui calore umano, accettazione obiettiva e assenza di ogni coercizione o pressione personale da parte di un Counselor, permette l'espressione più libera di sentimenti, comportamento o problemi da parte del cliente. Il rapporto deve essere ben strutturato, con limiti di tempo, di dipendenza, di manifestazioni aggressive riferiti in particolare al soggetto e limiti di responsabilità, di affetto che il counselor impone a se stesso. In questa particolare esperienza di libertà emotiva, l'individuo è libero di riconoscere e capire i suoi impulsi e le sue strutture comportamentali, positive e negative, come in nessun altro rapporto esistente".

Il Counseling si struttura come "relazione di aiuto non direttiva" fondata su un ascolto attivo ed empatico che, in un clima di attenzione e rispetto, pone al centro il "cliente" con i suoi bisogni, fragilità e domande. Il counselor è chiamato a focalizzare e valorizzare le potenzialità di cambiamento del cliente, i suoi talenti inespressi e le risorse non ancora riconosciute fino a quel momento.

Il processo interattivo e la relazione di qualità instaurate costituiscono le condizioni affinchè il cliente possa individuare autonomamente le risposte che la propria situazione esistenziale richiede al fine di ampliare la propria visione di vista e di agire, coerentemente alla propria mission di vita, la propria capacità di scelta.

Il Counseling è una professione trasversale che può coinvolgere numerosi  altri ambiti professionali; tra questi si considerino non solo psicologici ed educatori, ma anche medici, allenatori sportivi, insegnanti ed assistenti sociali.

Gli ambiti di intervento del Counseling sono molteplici. Oltre a quello individuale, vi sono applicazioni specifiche in campo comunitario, lavorativo e sociosanitario, in cui la qualità della comunicazione interpersonale è fondamentale per un corretto funzionamento di tutta la struttura.

-Ambito comunitario: Counseling psicopedagogico / Counseling di comunità / Counseling spirituale

- Ambito lavorativo: Counseling aziendale / Career Counseling

- Ambito socio sanitario: Counseling psicologico / Counseling socio sanitario / Counseling medico / Art Counseling / Counseling in ambito privato / Counseling nella relazione di coppia / Grief Counseling (accompagnamento alla morte).

 



LA PSICOLOGIA UMANISTICA

La Psicologia Umanistica, conosciuta anche con l’appellativo di Terza Forza, si sviluppa nell’ambito del pensiero psicologico con una prospettiva sociale agli inizi degli anni ’60 negli Stati Uniti in alternativa ai due orientamenti allora predominanti, la psicoanalisi e il comportamentismo. Il suo  approccio teorico e metodologico deve il suo affermarsi principalmente al pensiero e alle opere di Abraham Maslow, Rollo May, Carl Rogers e Thomas Gordon.

Questi autori per primi sottolinearono la necessità di considerare l’essere umano come organismo bio-psico-sociale, promuovendone così una visione olistica, ossia di pari dignità e valore delle componenti biologiche, psicologiche e sociali dell’esperienza umana.

Le loro teorizzazioni sulla natura umana si sono poi tradotte in una pratica clinica e psicoterapeutica finalizzata alla promozione della salute psicofisica dell'individuo. Ciò attraverso metodologie basate fondamentalmente sul profondo rispetto e sulla valorizzazione delle risorse proprie della persona: lo psicologo e lo psicoterapeuta di orientamento umanistico sono profondamente convinti della naturale “positività” e della “saggezza” degli esseri umani, che, se accettati incondizionatamente e ascoltati empaticamente, sono in grado di individuare in maniera sostanzialmente autonoma la propria personalissima strada verso il benessere.

Questa Terza Forza della psicologia apre le porte a un capitolo nuovo di questa scienza spostando l’attenzione dal semplice comportamento alle qualità delle relazioni, dal resoconto del passato alla progettazione del futuro, dal patrimonio genetico ai talenti inespressi, dal riflesso condizionato alla spinta creativa, dal determinismo alla libertà di scelta, dall’enfasi sugli istinti a quella sulla dimensione etica, dallo studio dell’uomo malato a quello sull’uomo sano, dalla terapia, alla formazione.

La Psicologia Umanistica segna il passaggio dall'atteggiamento di pietà, carità, solidarietà e assistenzialismo, a uno di collaborazione, corresponsabilità e compartecipazione (Marcella Danon)

Dal Manifesto della Associazione di Psicologia Umanistica:

•    L'elemento primario della psicoterapia è la persona, studiata nella sua interezza, oltreché l'esperienza e la comprensione, come oggetto e strumento di indagine, che relega in un ruolo secondario sia le interpretazioni, sia il comportamento manifesto;

•    In contrapposizione ad una visione dell'essere umano meccanicista e determinista, è necessario valorizzare l'autorealizzazione, la creatività, le scelte;

•    Valorizzazione della dignità della persona e dello sviluppo del suo potenziale latente.

Grazie all'iniziativa di Maslow e Rogers nacquero e aderirono nuove correnti psicoterapeutiche (rogeriana, gestalt, bioenergetica, analisi transazionale), che seppur diverse tra loro, serbavano un comune denominatore: l'attenzione sull'emozione e sull'esperienza.

 




                                                                                                             IL MOVIMENTO TRANSPERSONALE

 
"La Psicologia Transpersonale riguarda lo studio della più alta potenzialità dell'umanità e il riconoscimento, comprensione e realizzazione degli stati di coscienza unitivi, spirituali e trascendenti." Journal of Transpersonal Psychology

Da alcuni decenni vasti campi del sapere, in particolare la psicologia, la pedagogia, la medicina e l'etno-psichiatria, oltre agli ambiti dell'antropologia e dell'arte, sono stati rivisitati alla luce di un nuovo movimento di pensiero che affonda le sue radici nelle acquisizioni della fisica moderna, in particolare della fisica quantistica, della ricerca sugli stati di coscienza e delle antiche tradizioni spirituali.

Il Movimento Tranpersonale considera quindi una visone del mondo integrale (dal latino integrum, cui nulla è stato tolto, cui nulla manca, incorrotto) secondo la quale "il mondo minerale, vegetale, animale ed umano, il mondo sottile dello spirito e della divinità esistono uno dentro l'altro e uno per l'altro."

La Psicologia Transpersonale è una branca della psicologia il cui studio si estende alle esperienze e agli stadi di coscienza che trascendono i limiti dell'io personale e della razionalità convenzionale. L'ipotesi centrale della Psicologia Transpersonale è che l'uomo non sia semplicemente un'unità bio-psichica, ma un insieme aperto e collegato a una dimensione spirituale che tutto abbraccia. Si apre, in questo senso, un recupero dell'aspetto spirituale dell'esistenza arricchendo la ricerca delle esperienze della mistica comparata. L'uomo acquista un'identità "transpersonale", cioè un'identità in grado di trascendere la struttura della personalità, senza perdere, però il contatto con la propria individualità.

La Quarta Forza segna un ulteriore passo in avanti: l'Io (o Sé) personale è solo il riflesso di un riflesso trascendente, di un centro di coscienza transpersonale, in cui tutte le cose trovano la loro origine e il loro principio costitutivo. Il Sé transpersonale costituirebbe così l'unità sottostante l'apparente molteplicità. Usando un'espressione di Roberto Assaggioli, l'individuo si scopre "cittadino di due mondi" e viene invitato a vivere "coi piedi per terra e la testa alta verso il cielo."

Si ricordi il contributo di autori quali Stanislav Grof, Ken Wilber, Michael Washburn, Frances Vaughan, Roger Walsh, Stanley Krippner, Michael Murphy, Charles Tart, David Lukoff e Stuart Sovatsky. In Italia si afferma l’opera di Pier Luigi Lattuada, padre della Biotransenergetica (Ass. per la Medicina e la Psicologia Transpersonale).